Una ragione c’è. Ricordarsi di quando gli anziani erano considerati una risorsa preziosa”